Conoscete la regola dell’80/20? O il principio di Pareto? Che è la stessa cosa! Beh, se non la conoscete sedetevi comodi e prendetevi 5 minuti che è molto interessante.

Vilfredo Pareto è stato (è morto negli anni ‘20) un ingegnere, economista e sociologo italiano. E’ stato un uomo molto eclettico che ha fatto un sacco di cose, ora non sto qui ad elencarvele perché non è la ricerca delle elementari. Quindi vado al sodo e vi parlo della regola dell’80/20 che può essere applicata alla vita di un contadino e a quella di un giardiniere.

Parlo di vita non a caso, perché questo principio non si applica solo alle attività commerciali.

  • Il 20% di quello che fai, determina l’80% dei tuoi risultati.
  • Il 20% della popolazione mondiale detiene il 20% delle persone.
  • Il 20% delle vendite di un’azienda determina l’80% del fatturato.
  •  

E l’elenco potrebbe continuare all’infinito.

Ci siamo capiti? Rifletteteci bene, soprattutto i giardinieri. Prendete la vostra lista dei clienti e vedete un po’, ci scommettiamo? Parlo per esperienza e mi ricordo che quando facevo questo lavoro (ero ovviamente pieno di clienti), soprattutto nella bella stagione correvo da una parta all’altra per dar retta a tutti facendo un gran casino. Per servire persone rognose, irrispettose (chiamiamoli anche rompicazzo tanto nessuno si offende) e che nemmeno davano il giusto valore al mio operato rischiavo di trascurare, e a volte l’ho fatto, i migliori clienti e cioè quelli che facevano la gran parte del mio fatturato.

Questa è la tipica situazione del giardiniere che ha tanto lavoro e dice che queste strategie non gli servono. Servono eccome: eliminare i clienti inutili ed acquisirne altri che paghino di più e senza rompere cambia la vita. Questo è quello che insegno.

ATTENZIONE ANCHE AI GRANDI CLIENTI PERO’

Ah, apro una parentesi…attenzione pure ai migliori clienti, quelli che dandoci tanti soldi pensano che dovremmo essere degli schiavi a loro disposizione 24h/24h. Mi ricordo di una signora che mi chiamava a tutte le ore, anche la domenica mattina alle otto. O quell’azienda della grande distribuzione che chiedeva prezzi sempre più bassi e tempistiche di risposta sempre più rapide. Avresti dovuto lavorare solo per loro e stare fermo ad aspettare che ti chiamassero per correre. In generale…occhio ad essere troppo disponibili!

Se stai leggendo e sei un contadino che commercia soprattutto nei mercatini, forse è meno applicabile perché devi fare tante vendite, ma prova a ragionare al contrario. Perché non trovare un cliente a cui fare grandi forniture in modo da avere una base solida da abbinare ai vari mercatini settimanali? Ovviamente non a prezzi da fame tipo grande distribuzione.

In generale il concetto è vero e confermato in più campi, ma attenzione poi bisogna calarlo nella propria realtà. Quindi in linea di massima funziona, ma applicatelo prudentemente. Ad esempio tanti piccoli clienti potrebbero fare un gran passaparola.

IN CONCLUSIONE

C’è tanto ancora da sapere e il consiglio è sempre lo stesso. Dovete studiare, approfondire ed aprirvi a cose che nemmeno pensavate esistessero. Un contadino e/o un giardiniere è un imprenditore, chi ha una partiva iva è un imprenditore e la sua sorte dipende solo da lui.

Se vuoi fare prima ed evitare tanti errori che potrebbero essere anche più costosi, candidati per una consulenza.

POPOLO CONTADINO, POPOLO GIARDINIERE EVOLVITI!

Agricoach Alessandro Di Fonzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *